• Silvia

Zuppa di ceci


Devo proprio farvi conoscere questa deliziosa zuppa: è una ricetta medievale. I ceci sono uno dei legumi piu' antichi, li usavano in grandi quantità anche gli Etruschi. Diffusi soprattutto nell'Europa meridionale e nel medio oriente, hanno visto civiltà andare e venire, e sono ancora qui a farci del bene, perchè sono dei veri concentrati di energia, vitalità e sostanza.

Ci forniscono carboidrati, proteine, minerali e vitamine B in maniera equilibrata, sono indispensabili per i vegani ma dovrebbero frequentare spesso i piatti di chiunque. Si adattano a moltissimi tipi di preparazioni, possono essere usati interi, sotto forma di purè o anche sotto forma di farina, la quale ha ottime proprietà leganti seppure completamente priva di glutine.

Ottimi anche per chi soffre di mal di stomaco, perchè principalmente basici e se cotti bene non danno problemi di meterorismo, o comunque molto meno dei fagioli.

Per sviluppare tutta la loro potenzialità però è importante saperli cucinare: i ceci vanno messi a bagno in acqua fredda almeno 12 ore prima. Poi vanno cucinati lentamente per 2-3 ore, alcuni tipi di ceci anche di piu', finchè si stacca la pelle e prendendoli in mano si possono facilmente schiacciare con due dita. Per fare la zuppa si può continuare la cottura tranquillamente anche per piu' tempo finchè si sfaldano da soli. E' così che facevano nel medioevo, non avevano il frullatore :D Ma noi ce l'abbiamo, e quindi facciamo prima:



INGREDIENTI:

una tazza di ceci (200g)

2-3 litri di acqua

rosmarino, 1 rametto, salvia, 2-3 foglie

noce moscata, cannella, cumino arabo, pepe, tutto in polvere.

ev. sale (non c'è nella ricetta originaria e secondo me è piu' buona senza)

ev. olio di oliva


SVOLGIMENTO:

Mettere a bagno i ceci nell'acqua per 12-18 ore. Poi farli bollire nella stessa acqua a fuoco medio/lento per circa 3 ore finchè la pelle si stacca da sola. A seconda del tipo di ceci possono essere cotti prima o avere bisogno di tanto tempo. Alcuni contengono molte proteine e quindi fanno molta schiuma densa, che si può levare con una schiumariola. (ecco a cosa servono le schiumariole! ;) )

A fine cottura insaporire con molto rosmarino, poca salvia, abbastanza noce moscata, molto pepe, pochissima cannella e poco cumino arabo. Se si desidera si può aggiungere anche poco sale.

Tritare con il frullatore o con il mixer ad immersione.

Guarnire con un filo di olio di oliva. (io non lo faccio, come si vede dalla foto, ma c'è nella ricetta originale)


Questa zuppa è ottima come starter/primo piatto, o anche come piatto principale, però accompagnata da qualcos'altro con verdura. A me piace moltissimo per colazione, perchè è calda, ha un gusto delicato ma pieno, sazia benissimo ed è ricca di proteine.

In inverno la colazione andrebbe sempre mangiata calda, e le proteine della giornata andrebbero prese possibilmente tutte a colazione, per dare energia per la giornata e ridurre la fame durante tutto il giorno, mentre la cena dovrebbe essere leggera con tanta verdura ed ev. carboidrati, per rilassare e dormire meglio.


ceci secchi


0 visualizzazioni

Greenspirit Medicina Naturale

Silvia Vianello, Naturopata Svizzera diplomata all'Accademia di Medicina Naturale di Basilea (ANHK) in naturopatia e TCM, medicina tradizionale cinese (agopuntura e Tuina).

Riconosciuta da tutte le assicurazioni malattia per medicina complementare

Via al Ticino 15, 6514 Sementina,  Bellinzona TI

(stabile Sonja, proprio di fronte alla Migros)

mail: silvia.vianello@gmx.net

 

Tel. 076 6967849

Tutti i diritti riservati a Greenspirit di Earth Spirit Events KLG, Bellinzona 2020

ee2c25ce7c-Facebook-128.png