Greenspirit Medicina Naturale

Silvia Vianello, Naturopata Svizzera diplomata all'Accademia di Medicina Naturale di Basilea (ANHK) in naturopatia e TCM, medicina tradizionale cinese (agopuntura e Tuina).

Riconosciuta da tutte le assicurazioni malattia per medicina complementare

ZONA BELLINZONA: Carrale Piemoretti 3, Sementina,  Bellinzona TI

ZONA BASEL: Tramstrasse 59, 4132 Muttenz BL

mail: silvia.vianello@gmx.net

 

Tel. 076 6967849

Tutti i diritti riservati a Greenspirit di Earth Spirit Events KLG, Bellinzona 2020

ee2c25ce7c-Facebook-128.png
  • Silvia

Green smoothies

Aggiornato il: gen 24


La ricerca del cibo perfetto piu sano che esista ha portato gli studiosi di nutrizione ad inventare gli smoothies, o meglio ancora i green smoothies, che da circa un decennio hanno acquistato grande popolarità. I green smoothies hanno la fama di essere disintossicanti, rinvigorenti e ringiovanenti e soprattutto pieni di preziose vitamine. E qual'è il momento migliore per avvicinarsi a questa verde bevanda se non ora, alla fine dell'inverno, periodo in cui le nostre risorse sono esaurite, abbiamo urgente bisogno di vitamine e nutrienti vitali per rigenerarci, depurarci e rinforzare il nostro organismo?


VANTAGGI:


-rispetto alle centrifughe e agli estratti hanno il vantaggio delle fibre, che aiutano l'intestino a lavorare correttamente, inoltre si evita di sprecare la metà del cibo, che viene scartato dalla centrifuga o l'estrattore.


- negli smoothies si possono aggiungere anche ingredienti che non si possono centrifugare come semi oleosi e spezie, superfoods come spirulina o anche integratori alimentari, che in questo modo vengono assorbiti meglio.


-rispetto ai succhi hanno anche il vantaggio di essere freschi, c'è una differenza sostanziale.


-Il modo migliore per assimilare le vitamine contenute nelle piante è quello di spezzare il piu' possibile la parete di cellulosa delle cellule vegetali, in modo che il suo contenuto esca. Come sappiamo da molto, il nostro organismo, come quello di tutti i mammiferi, non ha l'enzima beta-amilase che serve per aprire la cellulosa, e per questo spesso quando mangiamo insalata, le vitamine contenute in essa rimangono inaccessibili dal nostro corpo, infatti si assimiliano piu' vitamine dalla verdura cotta che da quella cruda, però il processo di cottura distrugge parzialmente le vitamine. Per aprire la parete cellulare senza rovinare il suo contenuto, il frullatore è perfetto. In teoria il frullatore sostituisce masticazione, che una volta ci permetteva di aprire le cellule di tutte le piante. Ma chi mastica oggi piu' di 50 volte un boccone di insalata oggi? solo qualche monaco giapponese. Tutti gli altri si servono della tecnica moderna, che ci dice: masticare è bene, ma frullare è meglio. Per non perdere del tutto il vantaggio della masticazione, che avvia i processi digestivi, produce saliva ed enzimi, si consiglia di abbinare lo smoothie a qualcosa di solido, come un bel pezzo di pane integrale o della frutta secca, e masticarla bene.


-le foglie verdi delle piante contengono clorofilla, la quale si rivela sempre piu' molto importante per il nostro organismo: la sua composizione chimica è praticamente identica all'emoglobina con l'unica differenza di avere un atomo di magnesio anzichè di ferro. Questo fatto singolare ha dato molto da pensare a tutti gli studiosi i quali alla fine concordano che è positivo. Ann Wingmore. la pioniera degli studi sulla clorofilla, ha detto già il secolo scorso: "Chlorophyll wird im kommenden erleuchteten Zeitalter das Hauptprotein sein. Im frisch zubereiteten Getränk enthält es kondensierten Sonnenschein und den für die Wiederbelebung des Körpers erforderlichen elektrischen Strom, und es wird Teile des Gehirns erschließen, von denen der Mensch heute noch nichts weiß.“ (Ann Wigmore *1909 – †1994)

Traduzione: " la clorofilla sarà nell'epoca a venire la proteina principale. Nelle bevande fatte al momento contiene energia solare condensata e l'elettricità necessaria per rinvigorire il corpo, e connetterà parti del cervello che l'uomo adesso nemmeno sa di avere. "

La studiosa ha scoperto che la clorofilla, per ovvi motivi, stimola la produzione dell'emoglobina, e ancora di piu' se assunta assieme al ferro (nella verdura verde spesso presente), ma non solo, aiuta anche ad assimiliare tutti gli altri nutrienti, portando così ad un effetto rinvigorente e ringiovanente. La clorofilla è anche basica, antibatterica e stimola anche la riparazione delle ferite. Da allora ad oggi con la clorofilla sono stati raggiunti ottimi risultati nella cura di varie malattie, per esempio allergie della pelle, malattie intestinali, diabete, arteriosclerosi, emicranie, reumatismi e anche cancro, come è accaduto ad Ann Wingmore, che ha iniziato i suoi studi proprio perchè ammalasi di cancro cercava una cura, e l'ha trovata! il suo cancro all'intestino è scomparso completamente e lei ha vissuto altri 30 felici anni.


-inoltre a questi vantaggi si aggiungono tutti quelli descritti nei miei articoli sull'alimentazione vegana, dove spiego che il consumo di prodotti animali è strettamente correlato a tutte le malattie del nostro tempo, dall'arteriosclerosi e le malattie cardiovascolari al diabete al cancro ai reumatismi all'Alzheimer alla depressione eccetera eccetera. Vedi: Alimentazione vegana

Perchè vegano non vuol dire pasta al pomodoro o pizza senza mozzarella, la corretta alimentazione vegana è ricca di nutrienti e quindi di verdura e frutta.


COME SI FANNO GLI SMOOTHIES?


Si prende una parte di frutta (banane, mele, pere, mango, ananas, o anche avocado, o verdura come carote, sedano e finocchio) e una parte di verdura verde (spinaci, valerianella, cavolo nero, rucola, insalata, acetosa, erbe di campo miste...) che sia maggiore in volume. Si mette tutto nel frullatore, aggiungendo un liquido, che può essere acqua ma anche succo o latte vegetale. Si frulla tutto molto a lungo in modo che lo smoothie venga cremoso, come dice il nome.


per fare gli smoothies si può usare qualsiasi tipo di frullatore, piu' veloce gira meglio è , quindi va messo al massimo.

Quindi:

-1 parte di frutta, ad esempio 1 mela, 1 banana, 1/2 pera, qualche fragola oppure una carota, 1 gamba di sedano, un pezzetto di finocchio.

-1 parte di verdura verde, ad esempio due manciate di spinaci o di valerianella e una manciata di rucola o di acetosa

-1 parte liquida, circa mezzo litro, che può essere acqua, succo di arancia, succo di ananas, succo di mela, latte di mandorle, latte di cocco, latte di soia, di riso. In inverno va bene anche l'acqua calda!


Allo smoothie prima di frullare poi si può aggiungere un cucchiaio di superfoods, cioè sostanze altamente nutritive come: semi di canapa, semi di chia, fiocchi di lievito, germe di grano, spirulina, altri tipi di alghe...


E chi vuole, può speziare il suo smoothie con zenzero, cannella, menta, coriandolo o qualsiasi altra cosa.


ESEMPIO: SMOOTHIE SUPERNUTRIENTE

1 banana

1/2 pera

1 arancio

1/2 mango

1 avocado

2 CU semi di canapa sbucciati

100g valerianella

1 manciata spinaci freschi

1 manciata rucola

1 spruzzata di coriandolo in polvere

q.b. acqua (circa un litro)

Mettere tutto nel frullatore e frullare a lungo. Dose per tutta la famiglia, le dosi si possono dimezzare o modificare a piacere. E' possibile aggiungere ulteriori superfood, per esempio ci sta benissimo il polline, le erbe fresche e anche vari tipi di spezie. I semi di canapa si tritano e non si sentono piu' ma lo rendono molto cremoso.


Questo smoothie, con tutti i suoi preziosi nutrienti, sostituisce un pasto intero, è ottimo ad esempio per chi lavora e si vuole portare via un pranzo supersano, oltre che estremamente pratico, perchè basta una bottiglietta e via. Oltre alla clorofilla ci regala giuste quantità di grassi e proteine di altissimo livello, una grande quantità di minerali e oligoelementi, carboidrati molto digeribili sotto forma di fruttosio, fibre e quasi tutte le vitamine esistenti, unica eccezione la D, che in realtà non è una vitamina, per la quale serve il sole. 100 volte meglio di qualsiasi panino, e anche estremamente piu' digeribile.


I green smoothies sono estremamente consigliati in primavera, specialmente durante una cura depurativa di qualsiasi tipo, anche durante il digiuno terapeutico, con misura (1 al giorno).

Siccome gli smoothies sono liquidi e hanno un basso indice glicemico, non influiscono sul metabolismo e quindi il corpo continua a bruciare i grassi anche dopo averli bevuti, al contrario di quando si consuma un pasto convenzionale, anche se leggero, dopo il quale per circa 4 ore non si bruciano piu' i grassi corporei. Quindi nonostante gli smoothies siano molto nutrienti fanno anche dimagrire.

Comunque sono ottimi anche in estate per iniziare la giornata con una colazione veloce ma molto sana, rinfrescante e rinvigorente, ad esempio prima di andare al sole o a fare una camminata in montagna. Sono molto facilmente digeribili e tollerati da tutti, perchè 100% vegani, senza glutine e crudi!


Auguro a tutti un bellissimo fine settimana primaverile, pieno di gioia e vitalità!



123 visualizzazioni